18.09.2019 - Flossbach von Storch

Qualcosa di nuovo, niente di nuovo


Per la prima volta, alla presidenza della Banca centrale europea (BCE) ci sarà una donna: Christine Lagarde, finora a capo del Fondo monetario internazionale (FMI), in autunno prenderà il posto di Mario Draghi. Cambierà qualcosa nella politica di bassi tassi d’interesse della zona euro? Probabilmente no. Anzi, potrebbe perfino inasprirsi

Come la pensa in realtà Christine Lagarde? Riteniamo che proseguirà la strada intrapresa da una BCE sempre più politicizzata. Il suo pragmatismo, che lascia presagire anche una politica monetaria flessibile, era già evidente nel 2010, quando, mentre era Ministro delle finanze francese, durante il “salvataggio” della Grecia si fece notare per la frase: “Abbiamo violato tutte le regole perché volevamo serrare le file e salvare davvero la zona euro.”

In qualità di funzionario politico, è favorevole alla continuità della politica monetaria nell’area euro. La sua nomina conferma la nostra convinzione che anche in futuro la BCE farà di tutto per tenere unito l’euro – “whatever it takes - a qualunque costo”. A causa dell’elevato indebitamento di alcuni Paesi dell‘area euro, questo non può che essere interpretato come un segnale del proseguimento della politica di bassi tassi d’interesse.

Non è da escludere che sarà persino più accomodante. Le ultime settimane potrebbero essere state un assaggio di quello che succederà. Le recenti dichiarazioni di Mario Draghi indicano che, dopo circa dieci anni, siamo solo all’inizio della politica di bassi tassi d’interesse – e non alla fine.

Il ritorno all'aumento dei tassi d'interesse appare piuttosto irrealistico. Se nemmeno gli USA, dove l’economia gira per il verso giusto, riescono a mantenere un livello di tassi “normale”, come potrà mai farcela una fallimentare Eurozona?

Per approfondire l’argomento sulla politica monetaria della BCE leggi anche gli articoli pubblicati nell’ultimo numero della nostra rivista “Position” disponibile in abbonamento gratuito. Vai all’abbonamento.

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2019 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom