14.08.2020 - Bert Flossbach

Oro o denaro?


Oro o denaro?

Di recente il prezzo dell’oro è salito alle stelle, complici fra l’altro la politica monetaria espansiva e gli aumenti delle spese pubbliche. Il metallo prezioso dovrebbe proteggere il valore del capitale.

Dopotutto, il “grande crollo” nella crisi del coronavirus finora, fortunatamente, non è arrivato. I programmi di incentivo e stimolo economico varati dai governi hanno scongiurato il collasso dell’economia. Ma a quale prezzo? In tutto il mondo sono state approvate misure di politica fiscale con impatto sul bilancio per oltre cinquemila miliardi di dollari US, integrate da garanzie statali intorno ai 3.700 miliardi di dollari.

E all’occorrenza gli Stati sono pronti a stanziare altri fondi per finanziamenti a tasso zero grazie al basso livello dei tassi d’interesse. Risultato: impennata del debito pubblico a livelli record. Le banche centrali sono ormai prigioniere della loro politica ultra-accomodante sui tassi, condannate in eterno a rifornire il mondo di denaro a basso costo e prestare soccorso in caso di necessità.

Interessi? Ricordi d’altri tempi…

Sempre più investitori riconoscono che i tassi resteranno bassi a lungo e cercano di trovare soluzioni d’investimento alternative. La politica monetaria espansiva e le spese pubbliche straripanti porteranno probabilmente un ritorno dell’inflazione in un’ottica di medio termine. E a quel punto gli investitori dovranno proteggere i patrimoni da questo rischio, caduto nell’oblio ormai da tempo. L’asset class a nostro avviso più adatta per poterci riuscire al meglio, è quella delle azioni di società in crescita che presentano utili resilienti.

A luglio l’oro ha toccato un nuovo record storico (in euro). Ma non basta cercare di spiegare per intero tale fenomeno con la convinzione diffusa, che l'oro è il metallo “impermeabile alle crisi”. Il motivo va piuttosto ricercato nel fatto che le prevedibili conseguenze della crisi, in particolare il livello dei tassi ostinatamente basso e l’ondata di liquidità delle banche centrali, riportano all’ordine del giorno il tema dell’inflazione.

Domanda in crescita

L’oro è un attivo reale liquido e in quanto tale offre un’efficace protezione contro l’inflazione. Secondo i dati del World Gold Council, solo nel primo semestre 2020, gli ETF auriferi hanno acquistato 734 tonnellate del metallo giallo, superando il volume dell’intero 2009 che finora deteneva il record storico annuale. Questo dato riflette una crescente domanda degli investitori, probabilmente più legata alle conseguenze della crisi del coronavirus che non alla crisi in sé.

Il forte aumento dei debiti pubblici, il persistente contesto di tassi bassi e il potenziale ritorno dell’inflazione fanno dell’oro un “porto sicuro” interessante agli occhi di molti investitori. È molto interessante notare, anche se per niente sorprendente, che le riserve degli ETF auriferi sono aumentate in misura particolarmente consistente negli USA. I tassi statunitensi ai minimi storici e un debito pubblico a livelli più elevati che mai, hanno indotto tanto gli investitori privati quanto quelli istituzionali a fare incetta del metallo prezioso nonostante il recente rally sul mercato azionario.

Per noi, l’oro rappresenta una valida protezione contro l’inflazione ed eventuali crisi del sistema finanziario. Sul lungo periodo non ci si dovrebbe aspettare più che la conservazione del valore reale del capitale: nulla di più, ma anche nulla di meno.

 

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2020 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom