10.01.2022 - Flossbach von Storch

“Le buone aziende non si trovano solo in Cina“


“Le buone aziende non si trovano solo in Cina“

In questa intervista, il gestore di portafoglio Michael Altintzoglou illustra le opportunità di investimento sui mercati emergenti.

Prima l’inasprimento normativo nel settore dell’e-commerce, poi le restrizioni a chi fa doposcuola in privato e per ultimo le nuove regole per il gioco online. Negli ultimi mesi le quotazioni in Cina sono calate drasticamente, soprattutto a causa della crescente e inaspettata regolamentazione. Lei come ha vissuto questo periodo da gestore di un portafoglio incentrato sui mercati emergenti?
Per un azionista è stato molto frustrante, soprattutto perché contemporaneamente le azioni di molte società internet statunitensi hanno toccato quasi ogni giorno nuovi prezzi massimi. Dopo tutto, più del 20% del patrimonio del fondo è investito in azioni cinesi, e il settore internet – particolarmente penalizzato dagli ultimi interventi normativi – rappresenta un’ampia quota del portafoglio. Tuttavia, se si pensa al successo duraturo dell’economia nazionale, alcune misure sono abbastanza comprensibili.

In che senso?
Prendiamo il settore dei giochi online, che sono molto popolari in Cina. Pechino ha limitato a tre ore alla settimana il tempo massimo che i giovani possono trascorrere a giocare in rete. E dal momento che i giocatori in Cina non solo devono identificarsi con il nome completo, ma anche attraverso il sistema di riconoscimento facciale, il rispetto di questa restrizione diventa anche controllabile. Ad essere onesti, gli studi dimostrano che si corre davvero il rischio di sviluppare una dipendenza. Dal punto di vista sociale, è quindi assolutamente sensato limitare le ore di gioco. Purtroppo, però, il governo cinese tende a comunicare queste decisioni in modo poco professionale. Non c’è preavviso né tempo per adattarsi ai cambiamenti. In più, diversamente da quanto accade negli Stati Uniti e in Europa, per le aziende colpite è difficile fare ricorso.

Quali effetti ha questo per il portafoglio? C’è stata una “vendita in massa” delle azioni cinesi?
No. Abbiamo sì abbandonato alcune posizioni e stiamo monitorando molto attentamente la situazione, ma in realtà investiamo in aziende di alta qualità, con prodotti interessanti, una forte posizione concorrenziale e bilanci solidi. In tal senso, continuiamo a intravedere buone opportunità a lungo termine per alcune società internet cinesi ben selezionate.

Ma non sono proprio queste le aziende che sono finite nel mirino dei regolamenti?
Sì, ma per il governo non è solo questione di potere. Secondo noi Pechino punta a un successo nazionale duraturo. I leader politici sanno bene che se il paese vuole continuare a svolgere un ruolo di prim’ordine nel panorama globale, l’economia nazionale ha bisogno di un settore tecnologico dinamico e innovativo. A nostro avviso, quindi, le restrizioni non intendono arrecare danni permanenti alle aziende. Infatti, il vicepremier Liu He ha recentemente sottolineato che le direttive per la promozione del settore privato non sono cambiate e non cambieranno in futuro. Dopo tutto, il settore privato rappresenta più del 50% del gettito fiscale, oltre il 60% della produzione economica e l’80% dell’occupazione locale.

Le misure hanno tuttavia causato un sentiment negativo nei confronti delle aziende interessate e un calo dei prezzi delle azioni. Che lezione possiamo trarre da questo?
Il futuro non si può prevedere con assoluta precisione. Solo un anno fa, le piattaforme cinesi di e-commerce si sono fortemente rivalutate. La crisi del coronavirus ha accelerato la tendenza alla digitalizzazione e con essa il loro business. In questo non è cambiato nulla. Con la nuova regolamentazione, però, alcuni titoli hanno subito una battuta d’arresto, il che dimostra quanto sia importante distribuire sempre in modo sensato il patrimonio dei clienti su diversi paesi e settori. La diversificazione è tutto. Ecco perché è una componente essenziale della nostra strategia di investimento.

Quindi se i titoli tecnologici cinesi non se la passanomolto bene…
...nel settore dell’e-commerce ci sono buone opportunità con aziende che generano il loro fatturato, ad esempio, in Sud America o nel sud-est asiatico. Interessanti sono anche alcuni produttori cinesi di beni di consumo o aziende del settore sanitario, che non sono prese di mira dalle autorità normative. Inoltre, sul piano geografico, le azioni cinesi rappresentano al momento la posizione più ampia del portafoglio, integrata da una forte esposizione anche all’India o a Taiwan e da una quota del 12% investita negli Stati Uniti. 40 Strategia d’investimento Intervista

Ma è strano dire che gli Stati Uniti sono un mercato emergente.
Sì, può suonare strano all’inizio. In realtà per noi conta poco dov’è ubicata o quotata una società. Decisivo invece è il successo economico o dove si svolge la maggior parte dell’attività commerciale. Ad esempio, una società di servizi informatici attiva a livello globale può essere quotata negli Stati Uniti, ma avere fondatori bielorussi che ricorrono quindi a molti sviluppatori di software nel loro paese d’origine. Anche i marchi internazionali di cosmetici e articoli sportivi generano una buona parte del loro fatturato nei mercati emergenti. Come dicevo, però, abbiamo identificato anche in India una serie di aziende di qualità, che ci sembrano offrire prospettive incoraggianti a lungo termine.

Ma lì non era scoppiata una nuova ondata di coronavirus?
Sì, però a differenza della scorsa primavera, non c’è stato un blocco a livello nazionale, ma solo restrizioni alla mobilità regionale. Il mercato azionario si è dimostrato sorprendentemente resiliente e ha persino raggiunto un nuovo massimo storico. Anche la valuta è riuscita a riprendersi da una debolezza passeggera. In India investiamo da tempo in un istituto che finanzia immobili, ma abbiamo individuato opportunità di acquisto interessanti anche nel settore tecnologico.

E le materie prime?
Questo settore ha aperto l’anno su una nota particolarmente brillante. Il suo successo però dipende molto dall’andamento dell’economia ed essendo questo aspetto difficile da prevedere, non investiamo molto in questi titoli. Ci concentriamo sulle aziende di qualità e in forte crescita, cioè realtà che, a nostro avviso, hanno buone possibilità di continuare a generare rendimenti elevati e prevedibili in futuro. Non devono avere valutazioni eccessive, ma dovrebbero comunque offrire un certo potenziale.

 

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2022 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom