13.06.2022 - Flossbach von Storch

“La BCE è in difficoltà”


“La BCE è in difficoltà”

L’inflazione resta elevata – forse più a lungo del previsto. Le banche centrali possono ancora contrastarla? Un’intervista a Bert Flossbach.

Signor Flossbach, l’inflazione nella zona euro ha superato di recente l’8%. Per molti cittadini l’aumento dei prezzi è un grosso problema. Cosa bisogna fare ora?
Bert Flossbach: Mantenere stabile il valore del denaro è a tutti gli effetti uno dei compiti principali di ogni banca centrale, o almeno dovrebbe esserlo. L’inflazione si sta dimostrando più tenace rispetto a quanto previsto dalle autorità monetarie solo pochi mesi fa, il che mette in difficoltà le banche centrali.

Può spiegarsi meglio?
Per contrastare l’inflazione e difendere il valore del denaro, le banche centrali devono aumentare i tassi d’interesse, ovviamente senza provocare una drastica recessione. L’impresa è tutt’altro che semplice, perché oltre alla guerra in Ucraina e al rapido aumento dei prezzi dell’energia, a mettere a repentaglio la crescita economica sono anche le strozzature nelle catene di fornitura globali e il rallentamento dell’economia cinese.

La Federal Reserve statunitense (Fed) è molto più attiva dei colleghi nell’Eurozona.
Con il suo secondo rialzo dei tassi d’interesse, questa volta pari a 0,5 punti percentuali e quindi di entità doppia rispetto agli aumenti consueti, la Fed ha portato i tassi di riferimento a un intervallo compreso tra lo 0,75% e l’1,0%. Ulteriori interventi annunciati in tal senso e una riduzione degli investimenti in obbligazioni preannunciano la fine di una politica monetaria ultra-accomodante. Resta comunque da vedere se queste misure basteranno a combattere efficacemente l’inflazione.

Quanto devono salire i tassi d’interesse per contrastare in modo efficace l’inflazione?
La risposta non è immediata, perché l’inflazione ha molte cause. Noi le definiamo spesso le “tre D”: deglobalizzazione, demografia e decarbonizzazione. Vale forse la pena volgere uno sguardo al passato. Negli anni ‘80, l’inflazione negli USA è arrivata al 15%. L’allora presidente della banca centrale Paul Volcker alzò il tasso di riferimento temporaneamente anche al 20%.

Un tasso d’interesse che oggi possiamo solo sognarci.
Nelle circostanze attuali, una politica monetaria simile sarebbe destinata a fallire. Non è tutto: per la Banca Centrale Europea (BCE) la situazione è molto più complessa che negli USA. Perché la nostra banca centrale non deve solo difendere il valore del denaro, ma deve anche tenere unito l’euro.

La Presidente della BCE Christine Lagarde ha recentemente annunciato la fine degli acquisti netti di titoli, che verrà probabilmente decisa a giugno. Quindi ad agosto ci lasceremo probabilmente alle spalle i tassi di deposito negativi.
È improbabile che la revoca preannunciata del tasso negativo sui depositi abbia un impatto significativo sull’inflazione. Inoltre, il rendimento dei titoli di Stato decennali italiani è tornato a superare la soglia del 3% e potrebbe continuare a salire con la fine degli acquisti di obbligazioni.

Si rischia una crisi dell’euro?
Per adesso non siamo ancora a quel punto. Tuttavia, vista l’immensa montagna di debiti, l’Italia non può permettersi tassi d’interesse molto più elevati nel lungo periodo. Se ad un certo punto la BCE fosse costretta ad acquistare titoli di Stato italiani per scongiurare una crisi finanziaria, perderebbe chiaramente di credibilità come custode della stabilità monetaria.

Appurato quindi che dovremo convivere ancora un po’ con un’inflazione galoppante, quali saranno le conseguenze per l’economia?
Nei prossimi mesi, il mercato sarà probabilmente influenzato dall’andamento dell’inflazione e dall’impatto economico delle strozzature nelle forniture. Per le aziende, questo ha naturalmente implicazioni molto concrete. Devono compensare i maggiori costi di input con un corrispondente incremento dei prezzi. Per farlo, però, devono avere un potere di determinazione dei prezzi che in genere è peculiarità delle aziende di successo. Come investitori, noi cerchiamo proprio le azioni di quelle società, a condizione che il prezzo sia adeguato.

Di recente ci sono state notevoli fluttuazioni dei prezzi in borsa.
Gli investitori orientati al lungo termine non dovrebbero lasciarsi turbare, visto che dopotutto queste oscillazioni offrono anche delle opportunità. Ad esempio quando singoli segmenti di mercato vengono indebitamente puniti, come nel caso delle recenti svalutazioni, talvolta significative, che hanno riguardato anche azioni di società di prim’ordine del settore tecnologico.

 

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2022 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom