24.06.2022 - Flossbach von Storch

Il prezzo del rendimento


Il prezzo del rendimento
Bloomberg

Anche i portafogli posizionati in modo "difensivo" hanno subito forti contraccolpi nelle ultime settimane. Come è possibile? E cosa ne consegue?

Il “sentiment” sui mercati azionari è stato migliore, così come l'andamento dei prezzi. L'uno dipende dall'altro e viceversa.

Molti investitori sono non solo preoccupati ma anche delusi, come è comprensibile. Questo vale soprattutto per tutti coloro che investono in prodotti "difensivi", ad esempio in fondi il cui patrimonio è in gran parte investito in obbligazioni.

Anche loro hanno subito perdite significative negli ultimi mesi - e non solo gli strumenti di debito degli emittenti presumibilmente più deboli, ma anche quelli di quelli con un forte rating creditizio. Prendiamo ad esempio i Treasury statunitensi, i titoli di Stato americani a dieci anni o i Bund tedeschi con la stessa scadenza. Paradisi sicuri, come spesso vengono chiamati in modo rassicurante. Anche i loro prezzi sono crollati. A causa delle banche centrali e delle aspettative di inflazione .

Si prevede che nei prossimi mesi i banchieri centrali aumenteranno ulteriormente i tassi di interesse per tenere sotto controllo l'inflazione.

Se uno dei due crolla, l'altro sale ...

Se aumenta il livello dei tassi di interesse, le obbligazioni già esistenti diventano meno attraenti rispetto a quelle ancora da emettere, perché quelle "nuove" hanno cedole più alte rispetto a quelle "vecchie". I prezzi delle vecchie obbligazioni diventano più difficili da gestire.

Le fluttuazioni dei prezzi non sono solo un effetto collaterale del trading azionario, ma influenzano anche i mercati obbligazionari. Raramente questo è stato più evidente come nelle ultime settimane.

La delusione è dovuta non da ultimo al fatto che molti investitori ricordano ancora la vecchia e presunta regola ferrea e si affidano al fatto che le obbligazioni, almeno quelle dei debitori di ottima qualità, sono così importanti in un portafoglio misto perché la loro domanda e quindi i prezzi, fortunatamente, aumentano sempre quando le cose si fanno più difficili sul mercato azionario; in altre parole, il plus delle obbligazioni compensa, o almeno ammortizza, il minus delle azioni nel bel mezzo di una crisi. I professionisti parlano di "correlazione negativa": se uno scende, l'altro sale.

... una volta era così!

In passato, vale a dire più di dieci anni fa, questo funzionava in modo efficace, ma oggi, in un mondo di bassi tassi di interesse, purtroppo non è più così - e questo è essenzialmente legato al potenziale di rendimento sul mercato obbligazionario.

Infatti, se il livello dei tassi d'interesse sembra essere ancorato alla linea dello zero, come è avvenuto negli ultimi anni e i prezzi delle obbligazioni sono relativamente alti, il potenziale di rialzo dei rendimenti è limitato nella realtà. Fino a che punto il tasso di interesse dovrebbe scendere in territorio negativo, in modo che i prezzi possano salire sempre di più, come è successo negli ultimi anni?

È il caso, ad esempio, di un titolo di Stato austriaco emesso nel giugno 2020 con una scadenza di 100 (!) anni e una cedola d'interesse del solo 0,85%, il cui prezzo nel frattempo era salito a 139. Ciò equivale ad un rendimento annuo dello 0,4% per i neo-investitori... Quanto dovrebbe diventare ancora folle il mondo?

D'altra parte, questo non significa altro che qualsiasi notizia negativa per il mercato obbligazionario, come un possibile aumento dei tassi di interesse da parte delle banche centrali, può avere un impatto sufficiente a ridurre sensibilmente i prezzi delle obbligazioni, proprio come è accaduto di recente.

La potenza delle cattive notizie

In ogni caso, il prezzo dell' obbligazione centennale austriaca è sceso di oltre il 40% dalla sua emissione. Anche i porti sicuri sono talvolta colpiti dalle tempeste.

La domanda è: cosa significa tutto questo in futuro? Varrà la regola ferrea "uno cade, l'altro sale", perché il potenziale di rendimento delle obbligazioni di ottima qualità è ora di nuovo significativamente più alto rispetto a metà anno scorso? A cosa devono prestare attenzione gli investitori?

Non dovrebbero fare troppo affidamento sulle correlazioni, ma piuttosto tenere d'occhio il profilo rischio-rendimento di ogni singolo investimento, sia esso obbligazionario o azionario. Aspettare le opportunità di investimento e approfittarne. Investire in maniera opportunistica. Pensare come un businessman: dopo tutto, il profitto è anche nell'acquisto.

Perché una cosa sembra relativamente certa: in prospettiva, i tassi d'inflazione saranno probabilmente molto più alti rispetto agli anni precedenti. Quindi in futuro, nonostante il recente aumento dei rendimenti sul mercato obbligazionario, ci vorrà ancora molto di più del conto deposito vincolato o di una pura strategia "buy and hold” dei titoli di Stato per preservare la ricchezza in termini reali, cioè al netto del tasso di inflazione. È infatti improbabile che le banche centrali aumentino il livello dei tassi d'interesse al punto da compensare l'inflazione, visto l'indebitamento mondiale.

La pazienza viene premiata

Per preservare il patrimonio a lungo termine, è necessario effettuare investimenti che offrano un sufficiente potenziale di rendimento. Le obbligazioni individuali (societarie), ad esempio, i cui prezzi sono stati temporaneamente penalizzati in modo eccessivo e che, in prospettiva, presentano un profilo rischio-rendimento decisamente più interessante.

Soprattutto, però, ci sono le azioni di buone aziende, attività tangibili liquide che offrono rendimenti medi di circa l'8% nel lungo periodo, cioè su molti anni.

Tuttavia, una cosa è altrettanto certa: il prezzo per preservare gli asset, il prezzo per i rendimenti più elevati che gli investitori devono essere disposti a pagare, è l'accettazione delle fluttuazioni dei prezzi, in alcuni casi si tratta di variazioni sostanziali. Questo vale oggi più che mai, anche o soprattutto per gli investitori più difensivi. Se non riuscite a sopportare il fatto che il vostro patrimonio valga meno nel frattempo, non sarete in grado di mantenerlo in termini reali nel lungo periodo - purtroppo.

Chiunque sia in grado di farlo ha bisogno di una seconda caratteristica oltre ad una buona dose di tolleranza alla volatilità : la pazienza. La pazienza richiede del tempo. Se avete tempo e pazienza, oltre a un portafoglio di investimenti accuratamente selezionati, riuscirete a superare le oscillazioni dei prezzi senza dovervi preoccupare troppo. Il tempo lavora per tutti.

Al contrario, chi ha bisogno del denaro investito tra uno o due anni non è in buone mani in borsa. È meglio che depositi il denaro su un libretto di risparmio o su un conto di deposito.

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2022 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom