29.05.2020 - Flossbach von Storch

Economia statunitense – La crisi del coronavirus come acceleratore delle tendenze


Nonostante la confusione politica dell’amministrazione Trump, a nostro avviso anche dopo la crisi del coronavirus, gli Stati Uniti rimarranno una delle regioni economiche più forti. Ecco i motivi.

Gli Stati Uniti sono attualmente alle prese con le conseguenze della pandemia di coronavirus ma ci sono buoni motivi per cui potrebbero uscire dalla crisi addirittura più forti di prima. Innanzitutto, gli enormi pacchetti di salvataggio messi in campo dovrebbero scongiurare un crollo dei consumi. Infatti, oltre al consueto sussidio di disoccupazione di 250-400 dollari alla settimana, chi rimane senza lavoro riceve dal governo 600 dollari in più fino a un reddito familiare di 150.000 dollari. Se quindi entrambi i componenti di una coppia dovessero perdere il lavoro, ciascuno percepirebbe tra gli 850 e i 1.000 dollari la settimana, guadagnando in un mese di 4,5 settimane lavorative almeno 7.650 dollari.

Il pacchetto di salvataggio durerà fino a luglio: e poi?

Questo programma terminerà a luglio, sebbene nel frattempo il Presidente Donald Trump abbia già lamentato insufficienti attività di macellazione e lavorazione della carne imputandole al fatto che, a suo dire, i lavoratori delle categorie salariali più basse sarebbero evidentemente meno incentivati a tornare al lavoro. I Democratici vorrebbero addirittura estendere il programma fino al gennaio 2021 e ci sarebbero già ulteriori piani per una sorta di reddito di base di 2.000 dollari al mese fino a dodici mesi dopo l’allentamento del lockdown.

La mentalità statunitense facilita la ripartenza

In secondo luogo, gli americani affrontano le crisi con una mentalità diversa. Quando le cose vanno male da un punto di vista economico, invece di aspettarsi un intervento dello Stato, molti si reinventano per ricominciare da zero. Naturalmente, anche l’assetto demografico è un vantaggio in questo senso: la popolazione americana, infatti, è in media più giovane di quella europea, mentre per gli anziani un riorientamento professionale risulta solitamente più difficile.

Accelerazione della digitalizzazione

Il terzo punto che gioca a favore degli USA come importante area economica del futuro è la digitalizzazione. In tal senso, la crisi del coronavirus sta fungendo da acceleratore delle tendenze e molti business model sostenibili e di successo in questo ambito si trovano proprio negli USA.

E in Europa?

In Europa, la crisi del coronavirus sta ulteriormente aggravando le differenze economiche tra nord e sud. Nei paesi del sud, ad esempio, particolarmente colpiti dalla pandemia, il turismo rappresenta un settore economico fondamentale, ma è proprio qui che bisognerà fare i conti con contrazioni. È piuttosto improbabile, che i programmi di aiuto pianificati possano cambiare la situazione.

I paesi emergenti sono alle prese con diversi problemi

All’ultimo posto figurano a nostro avviso i paesi emergenti (esclusa la Cina), dove a concorrere alla crisi sono diversi fattori. Da un lato, i sistemi sanitari sono spesso mal equipaggiati; dall’altro lato, molte di queste economie dipendono dai mercati delle materie prime, attualmente caratterizzati da prezzi molto bassi. Infine, sono spesso indebitati in valuta estera. In ultima analisi, quindi, il problema non è solo un rallentamento della crescita, ma spesso anche una svalutazione monetaria e un aumento dell’inflazione, com’è oggi il caso di Turchia, Brasile e Russia.

Delicata focalizzazione regionale in molti portafogli d’investimento

Le fluttuazioni di solito più elevate nei titoli dei paesi emergenti non fanno altro che alimentare la fobia di molti investitori per le azioni. D’altro canto, una ripartizione per regione ci sembra comunque poco sensata. Noi investiamo in modo selettivo sempre e solo in singoli titoli, cercando i modelli di business di successo che esistono in molti paesi e settori. In tal senso, concentriamo l’attenzione su azioni di qualità di aziende redditizie con modelli di business interessanti, che probabilmente continueranno a funzionare anche in futuro: realtà che, in fin dei conti, stiamo trovando in abbondanza anche negli Stati Uniti, pur a fronte di valutazioni presumibilmente elevate.

 

AVVERTENZE LEGALI

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale.

Eventuali commenti e analisi riportati nel presente documento riflettono le opinioni di Flossbach von Storch al momento della pubblicazione e possono variare in qualunque momento senza preavviso. I dati relativi a dichiarazioni riferite al futuro rispecchiano la prospettiva e le aspettative future di Flossbach von Storch. Tuttavia, i rendimenti attuali e i risultati potrebbero differire sensibilmente dalle previsioni.  Sebbene il presente documento sia stato redatto con la massima cura e attenzione, Flossbach von Storch non offre alcuna garanzia in merito ai suoi contenuti e la relativa completezza e declina ogni responsabilità per eventuali perdite che dovessero derivare dal suo utilizzo. Il valore di ogni investimento può diminuire o aumentare e l'investitore può subire una perdita totale dell'importo investito.

Il presente documento non costituisce, né deve esser interpretato come, offerta o raccomandazione alla sottoscrizione o alla vendita di strumenti finanziari. Le informazioni ivi contenute non rappresentano una consulenza di investimento né una raccomandazione di altra natura.

Tutti i diritti d’autore e ogni altro diritto, i titoli e le rivendicazioni (inclusi copyright, marchi, brevetti, diritti di proprietà intellettuale e altri diritti) inerenti e derivanti da tutte le informazioni del presente documento sono soggetti senza riserva alle disposizioni vigenti e ai diritti di proprietà del rispettivo proprietario registrato. L’utente non acquisisce alcun diritto ai relativi contenuti. Flossbach von Storch rimane titolare esclusivo del copyright sui contenuti pubblicati e redatti internamente dalla medesima. Non è consentito riprodurre o utilizzare tali contenuti, in toto o in parte, senza il consenso scritto di Flossbach von Storch.

I rendimenti passati non sono indicativi di quelli futuri.

© 2020 Flossbach von Storch. Tutti i diritti riservati.

Tutte le News di Flossbach von Storch

Torna al Newsroom